« Torna al menu dei consigli

Colichette e coliche gassose nel neonato.

Le coliche nel bambino.

Il mio bambino piange molto spesso. Ha le colichette?

Potrebbe averle. Non sono una malattia ma solamente un termine per indicare episodi di pianto incontrollabili in un bambino sano.

Se il tuo bambino ha meno di 5 mesi e piange per più di tre ore di fila, durante tre o più giorni in una settimana, per almeno tre settimane di fila e il suo disagio non è legato a malattie accertate, potrebbe avere le coliche gassose.

Un bambino con le coliche appare inconsolabile. In genere stende le gambe alternandole o le alza ed espelle aria.

Il pianto e il senso di disagio possono affliggere il bambino a qualsiasi ora del giorno, ma di solito si intensificano tra le 6 del pomeriggio e mezzanotte.

Il 20% circa dei bambini ha le colichette, solitamente iniziano dalla seconda alla quarta settimana di vita e interessano ugualmente i bambini nati pre e post-termine, i maschietti e le femminucce, i bambini allattati al seno e quelli allattati con il latte artificiale.

Fortunatamente le coliche non durano per sempre: il 60% dei bambini supera la fase peggiore al 3° mese di età e il 90% intorno al 4° mese.

Perché ad alcuni bambini vengono le colichette?

Le colichette gassose dei neonati sono uno dei grandi misteri della vita.

Nessuno sa perché alcuni bambini sono più  predisposti di altri, ma le teorie abbondano.

Una causa potrebbe essere il fatto che alcuni bambini hanno un apparato digerente più sensibile o più immaturo rispetto ad altri. (Infatti la parola colica deriva dal greco Kolikos, traducibile in coloni).

L'apparato digerente del neonato contiene solamente una piccola quantità degli enzimi e dei succhi gastrici necessari per scomporre il cibo, e quindi la digestione delle proteine presenti nel latte materno o in polvere, può portare alla formazione di masse gassose, che causano dolore.

Il fatto di urlare può inoltre peggiorare la situazione, favorendo l'ingestione di altra aria da parte del bambino.

Altri esperti ritengono che lunghi attacchi di coliche siano dovuti ad una reazione fisica dei neonati che, avendo il sistema nervoso non ancora ben sviluppato, non riescono ad elaborare tutti i nuovi stimoli provenienti dall'ambiente.

Quando arriva la sera non riescono piu' a gestire ulteriori suoni, sensazioni o immagini e piangono per sfogarsi.

Ho sentito che le coliche nei bambini allattati al seno sono causate dalla dieta della mamma.

Alcuni bambini allattati al seno, sembrano essere disturbati se la mamma assume grandi quantità  di cibo speziato, derivati del grano, nocciole, fragole, verdure appartenenti alle Crucifere (broccoli, cavoli e cavolfiori), aglio, caffeina e alcol.

Per verificare se qualcuno di questi elementi provocano malessere nel tuo bambino, prova a evitarli per alcuni giorni. Se sta meglio, reintroduci poi questi alimenti uno alla volta, lasciando passare qualche giorno tra uno e l'altro.

Se ricomincia a star male dopo la reintroduzione di uno specifico elemento, avete trovato la sostanza colpevole.

Dovrete poi astenervi da questa fino a quando il bimbo avrà perso la sua sensibilità , probabilmente intorno ai 3 mesi.

In ogni caso non mangiare cibo speziato o qualsiasi altro cibo per qualche mese: è un piccolo sacrificio da affrontare per rendere felice il tuo bambino!

Se il tuo bambino è allattato con il latte in polvere, prova a cambiare latte. In ogni caso, che sia allattato al seno o con il latte in polvere, assicurati che faccia il ruttino dopo e durante le poppate.

Aiuta a diminuire la pressione che si crea quando ingerisce aria mentre mangia, in modo tale da diminuire il rischio della comparsa di coliche gassose.

Come consolare il mio bambino quando ha le coliche?

 


« Torna al menu dei consigli